Istruzioni per l'utilizzo della Modulistica Unificata

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA'  PRODUTTIVE
Istruzioni per l'utilizzo della Modulistica Unificata

 
I modelli sono disponibili in formato pdf compilabile. E’ possibile scrivere soltanto nei campi appositamente individuati. E’ vietato, a pena di inammissibilità dell’istanza, modificare le parti fisse della modulistica, e specialmente le dichiarazioni di responsabilità ivi contenute. In caso di compilazione su PC, occorre tuttavia ricordare che i documenti devono essere presentati allo Sportello Unico anche su CD-rom, obbligatoriamente in formato PDF.

Come individuare i modelli necessari
La modulistica unificata ha una struttura modulare e componibile a seconda delle esigenze del singolo procedimento. Il modello di  DICHIARAZIONE AUTOCERTIFICATIVA UNICA (DUAAP) è necessario per ogni genere di istanza, per attività nuove o esistenti, e deve essere utilizzato sia per la pratiche di natura edilizia, che per quelle relative all’esercizio dell’attività imprenditoriale, che per ogni adempimento accessorio da svolgere presso il SUAP. La DUAAP non deve essere presentata solo per le dichiarazioni di agibilità (per cui è sufficiente l’apposito modello), per la cessazione semplificata (per cui è sufficiente il modello C6 bis) per il collaudo e per alcuni modelli
F, che costituiscono moduli a sé stanti. Alla dichiarazione unica devono essere allegate le schede necessarie, a seconda del tipo di intervento. Le schede allegate sono suddivise in cinque categorie:

  •  Gli allegati contrassegnati con la lettera A costituiscono le dichiarazioni di conformità e le asseverazioni che devono essere rese da un tecnico abilitato. In particolare, il modello A0 (Check List), obbligatorio per tutti i procedimenti di natura edilizia e per quelli relativi ad attività imprenditoriali complesse (a giudizio del SUAP), comprende una lista di controllo su tutti i campi tecnico-amministrativi rispetto ai quali deve essere verificata la conformità. Per ognuno dei campi di interesse, risultanti dalla check list, deve essere compilata l’apposita scheda di dichiarazione.
  • Gli allegati contrassegnati con la lettera B costituiscono le schede relative alla tipologia dell’attività imprenditoriale che si esercita o si intende esercitare. In esse devono essere riportate tutte le informazioni specifiche riguardanti l’impresa, indipendentemente dal tipo di intervento che si intende realizzare (indipendentemente, cioè, che si tratti di nuova attività, subingresso, trasferimento, ecc.).
  • Gli allegati contrassegnati con la lettera C costituiscono le schede relative alla tipologia di intervento sotto l’aspetto produttivo (avvio nuova attività, subingresso, trasferimento, variazioni, ecc.), indipendentemente dalla tipologia dell’attività produttiva stessa. Esse saranno sempre abbinate alla corrispondente scheda B, per un inquadramento complessivo dell’intervento. Fa eccezione il modello C6 bis, che va presentato da solo.
  •  Gli allegati contrassegnati con la lettera D costituiscono le schede relative alle dichiarazioni sul possesso dei requisiti morali e professionali necessari per le diverse tipologie di attività. Esse andranno di volta in volta abbinate alle corrispondenti schede B e C, secondo le modalità indicate nelle schede stesse. In particolare, il modello D3 (requisiti antimafia) dovrà essere abbinato obbligatoriamente a tutte le schede B.
  • Gli allegati contrassegnati con la lettera E costituiscono schede relative ad adempimenti accessori riguardanti le diverse tipologie di impresa. Fra esse troviamo la notifica igienicosanitaria per alimenti, le dichiarazioni per la vendita di particolari prodotti (merci usate, oggetti da punta e da taglio, farmaci da banco, ecc.), la vendita di prodotti soggetti ad accisa e le attività comportanti emissioni in atmosfera poco significative.
  • I modelli contrassegnati con la lettera F costituiscono schede relative ad altre informazioni connesse con la pratica. Ad esempio, l’allegato F1 contiene i dati di tutti gli eventuali cointestatari della DUAAP, il modello F3 la comunicazione di inizio e fine dei lavori edilizi, ecc.. Alcuni fra i moduli F costituiscono modelli a sé stanti, che non necessitano pertanto di essere presentati in allegato alla DUAAP.

 

Di regola, non sono necessari ulteriori modelli oltre a quelli unificati, salvo alcune eccezioni indicate nelle schede stesse. Non è quindi più necessario utilizzare i singoli moduli precedentemente in uso, riferiti alle singole norme settoriali, ivi compresi i modelli ministeriali COM.

Data di ultima modifica: 19/10/2016


Documenti allegati
ISTRUZIONI PER LA MODULISTICA - 060411.pdf Istruzioni - Versione Completa (158.6 KB)

Visualizza in modalità Desktop